• Maria Grazia Tiberii

Lo sai quale economista ha inventato la svalutazione?


#OverthemyworldūüĆŹAl principio fu il baratto. Con il trascorrere dei secoli i nostri antichi avi cercarono di semplificare gli scambi commerciali; la storia che voglio raccontare ha come protagonisti i Romani ... Anzi, i loro scambi.

Inizialmente come unit√† di misura per facilitare il baratto il cittadini dell'Urbe adottarono il "Pecus";¬†un animale di piccola taglia rimasto nella memoria popolare nell'utilizzo del termine "Pecunia". La prima moneta - "l'Aes rude" - nota come Asse, altro non era che un pezzo di bronzo di peso standard.¬† Servio Tullio fu il primo ad imprimere su una barra di bronzo ferroso, "l'Aes un ramo stilizzato. Il denaro come lo conosciamo oggi era ancora lontano; per effettuare i pagamenti era necessario pesare il quantitativo di bronzo da utilizzare.¬† Nel 326 a. C. I Campani, con i quali i romani avevano stretto alleanza, utilizzando un'arte appresa dagli Arabi produssero per l'Urbe una moneta chiamata "Rhomaion". La tecnica era nota come "sikka". ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† Successivamente la "Zecca" di Napoli fu sostituita da un'officina allestita nei pressi del tempio di "Giunone Moneta" (ammonitrice). Oggi chiamiamo il denaro moneta! La prima moneta "Made in Rome" - in argento - fu il "Quadrigato", cos√¨ chiamata in quanto sul retro presentava l'effige di Giove alla guida di una quadriga guidata dalla Vittoria.¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† Abbastanza rare furono¬†emissioni di monete in metallo nobile, chiamate "Aurei". Il primo "Aureo", del peso di 1/30 di libbra (una libbra equivale a 271 grammi) fu voluto da Silla. Correva¬† l'anno 87 a.C. A causa della carenza del prezioso metallo nel 15 a.C. Augusto ide√≤ una riforma monetaria in seguito alla quale il "denarius Aureus" si stabilizz√≤ ad un peso di 1/42 di libbra. I romani avevano inventato la svalutazione! In seguito il peso delle monete auree e argentee diminu√¨ ancora, e torn√≤ a salire a pi√Ļ riprese. Non era difficoltoso ridurre sempre pi√Ļ il valore reale in quanto il potere di scambio non era in alcun modo influenzato dal peso. La moneta che ancor oggi evoca quei tempi lontani fu coniata¬†tra il 264 e il 202 a.C. (Guerre ¬†Puniche) usando l'argento. Fu semplice chiamarla "Danario" in quanto era scambiata con dieci "Assi"¬†(deni significa X, dieci per i romani). ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬†¬†¬† Il danario divenne un potente mezzo di propaganda, "Gens" e Magistrati imprimevano sulle monete le gloriose imprese delle quali si erano resi protagonisti affinch√© restassero impresse nella memoria degli elettori. Come ogni moneta che si rispetti anche il "Danario" vantava diversi sottomultipli. ¬†Vi erano i "Quinari" che valevano 5 assi¬† (V) e i "Sesterzi" che corrispondevano a due assi e mezzo (IIS e in seguito HS). Il "Sesterzio", in argento o bronzo, fu la moneta romana per antonomasia. Aveva una valore sufficiente basso da non aver bisogno di sottomultipli ma adeguato per essere utilizzato negli scambi. Di conquista in conquista il "Denario" divenne quasi l'unica moneta circolante nel Mediterraneo, la moneta con la quale veniva regolata la stragrande maggioranza delle transazioni. Calc√≤ la scena fino alla met√† del III secolo d.C. poi fu sostituita. Ma la sua importanza √® sopravvissuta nel nome che ancora utilizziamo per indicare le monete: denaro. Nel corso della sua lunga storia il "Denario" fu elemento trainante dell'economia romana ma - a¬†causa di uno scarso rigore nelle finanze dello stato, della presenza di una forte inflazione e della scarsit√† dei metalli - la sua purezza e il suo peso andarono lentamente, inesorabilmente riducendosi. Le manovre monetarie si ripeterono¬†pi√Ļ volte ... I moderni economisti non credano di aver scoperto qualcosa! L'ultima riforma fu fatta da Costantino nel 310; in quell'occasione furono sostituite le vecchie monete ormai troppo svalutate.


Con la fine dell'Impero Romano d'Occidente la gestione della zecca di Roma fu affidata al papato ... Ma questa è un'altra storia!


6 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Storie di viaggio, ricette dal mondo, maglia e cucito, curarsi con le erbe ed altro ancora ...

  • Facebook Social Icon
  • Google+ Social Icon
  • Pinterest Social Icon
  • Facebook Icona sociale
  • Instagram Icona sociale